Sono qui. Sono sempre qui
occhi e respiro
ogni ultima cosa
qui mi tiene il cucchiaio, la pietra, la polvere.

Con il pianto o la rugiada
la semplice fila di parole piene
diventa il limite
di questa notte
taciturna come una faina .

Labile, ondivago, effimero
è il lato dell’abisso,
è una scatola guasta che fuggo
con la bocca del cuore
sul foglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...