Aggroviglio fogli bianchi come angeli
un the caldo, una zolletta candida
giro la mano su questa palude.
 
Giovedì ho chiuso la scatola, ora lumache
viscide e pecore lanose
vi saltano dentro come pop-corn impazzito,

ancora non dormono.
Masticherò la brezza, ma
sarà per poco

ho una pelle da spremere
gialla e succosa come scorza di limone.
I pezzi di carta volano, stracciati gigli

ondeggiano e pulsano
sulla scia della mia  stella che si spegne.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...