Un silenzio di pece bianca
mi scende sul collo come una benda,
l’urlo è acqua dolce
tra lingue di sale

Sogno, sporca illusione
sei stato partorito morto
e le ciglia sbattute dal vento
fingono  felicità nelle tante stazioni
per le  lacrime.

E’ di una tenerezza infame
questi bianco rappreso
mentre abortisce particelle d’amore
sui binari, tra i finestrini sigillati
e fin dentro ventre rosso della notte.

Porcellana incrinata, sterile bricco di carne
sei un peccato dal misto sapore,
notte dopo notte, rifulgerai altrove.

Annunci

2 pensieri su “Il sogno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...