Ronzio come un filo di lama
-da una tempia all’altra-
è una palla

che mai si arresta.
Sfilo il giunco dall’orecchio vibrante
e poi spacco

frasi e parole -così tante-
sempre le stesse,
simili a

rozze tazze d’ogni giorno
sbeccate
che nel chiarore della lampada
sfiorita – vecchio neon –
osservo quel nero
cono

d’ombra rotondo
che mi tenta sull’orlo
e trascura e attira

tagliente strapiombo
e li
sul davanzale bugiardo freddo
marmo

la vena grigia pulsa,
corda dal quale il volo sarebbe dolce
di navigli e nuvole

bianche,
pace che strappa a questo mondo
ogni potere d’infelicità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...