Gli porsi le mie sante briglie
di stanca bestia.

Ammaliata pregai e  accesi lumi
ma i miei terribili difetti vivevano

nelle sue benedizioni

più felici dei vermi
nel corpo della terra.

La mia volontà non  più regina
disperava
nei pomeriggi piovosi

e gli incantamenti  disuguali
non sfuggivano mai
alle sue unghie taglienti.

Ciabattando lontano, goffo e deforme
nell’ultima  violenza
storpiava sull’asfalto stupide virtù.

La morte lo chiamava molle
con due dita sporche di sudicia terra

mentre  io, di lui morivo nel vederlo morire