Mentre passavo come alito di vento,
in bocca avida di nutrimento
scrollavi le foglie come mantelli.

Non sono stata visibile
ne udibile
forse troppo bianca,
o senza colore,
ne odore.

Dopo i tripudi, le infinite dolcezze
le memorabili attese,
in sofferenza sfinita

solitaria e senza nome
non sono che acqua

nell’aria che respiri