Mentre passavo come alito di vento,
in bocca avida di nutrimento
scrollavi le foglie come mantelli.

Non sono stata visibile
ne udibile
forse troppo bianca,
o senza colore,
ne odore.

Dopo i tripudi, le infinite dolcezze
le memorabili attese,
in sofferenza sfinita

solitaria e senza nome
non sono che acqua

nell’aria che respiri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...